Principale Altro L'avvocato per i diritti umani dalla Nigeria ha assegnato la borsa di studio Baker McKenzie 2020-2021

L'avvocato per i diritti umani dalla Nigeria ha assegnato la borsa di studio Baker McKenzie 2020-2021

Hillary Maduka '21 LL.M., un'esperta sostenitrice delle popolazioni svantaggiate, ha ricevuto $ 50.000 dallo studio legale globale.

Hillary Maduka '21 LL.M., un avvocato per i diritti umani che ha fondato Project Freedom Initiative per offrire servizi legali e di protezione dei diritti umani pro bono ai prigionieri indigenti in tutta la Nigeria, ha ricevuto la borsa di studio Baker McKenzie 2020-2021.

Maduka era motivato a intraprendere una carriera legale a causa della profonda frustrazione per lo status quo in Nigeria e del desiderio di guidare il cambiamento, non solo per la propria comunità, ma in tutto il mondo. Mentre la miriade di problemi che deve affrontare la società nigeriana non può essere definita o affrontata in termini puramente legali, la legge rimane uno strumento molto potente per correggere i torti e ritenere i funzionari eletti e i cittadini privati ​​ugualmente responsabili delle loro azioni, dice.

Alyssa Auberger , responsabile della sostenibilità di Baker McKenzie , afferma che l'azienda è lieta di assegnare la borsa di studio Baker McKenzie di quest'anno a Hillary. Hillary è stato ampiamente ispirato dalla sua esperienza diretta di sottosviluppo, estremismo religioso e corruzione diffusa, che sono conseguenze innegabili dell'indifferenza di qualsiasi società nei confronti dei diritti umani, e non vediamo l'ora di assistere allo sviluppo della carriera di Hillary poiché non abbiamo dubbi che egli promuoverà i diritti umani e servirà le popolazioni svantaggiate, afferma Auberger. Siamo onorati di offrire un'opportunità a un candidato così meritevole e laborioso.

Dopo che Maduka si è laureata con un LL.B. dall'Università di Jos nel 2016, il governo tedesco ha notato il suo lavoro di volontariato come studente universitario con un campo per sfollati interni per bambini orfani dalla rivolta di Boko Haram e gli ha offerto una borsa di studio per studiare il sistema europeo di protezione dei diritti umani. Questa esperienza ha trasformato il modo in cui Maduka vedeva il suo ruolo di difensore dei diritti umani. Ciò ha cambiato la mia prospettiva sul lavoro sui diritti umani dal semplice lavoro per affrontare i sintomi all'affrontare le cause profonde delle violazioni e degli abusi dei diritti umani, che sono istituzioni deboli e norme sociali che consentono e normalizzano tali violazioni, afferma.

Maduka è tornato nel suo paese d'origine nel 2018 e ha fondato Project Freedom Initiative, un'organizzazione no profit di servizi legali che lavora per ridurre il numero di detenuti in attesa di giudizio in Nigeria. Sono stato motivato a creare questa iniziativa quando ho letto i dati del National Bureau of Statistics della Nigeria. . . . I dati dal 2011 al 2015 hanno mostrato che il 72,5% della popolazione carceraria totale della Nigeria è composta da detenuti che scontano la pena in attesa di processo e senza essere condannati, dice.

Il progetto Freedom Initiative ha ottenuto più del rilascio di nigeriani detenuti illegalmente: la riduzione della sovrappopolazione delle celle delle prigioni limita anche la diffusione delle malattie, riduce la povertà e stimola lo sviluppo. Finora, Maduka afferma di avere molto di cui essere orgoglioso: in questo momento, io e il mio team abbiamo offerto rappresentanza legale a oltre 35 persone e di questo numero abbiamo assicurato il rilascio di oltre il 75% delle persone attraverso contenziosi e /o metodi alternativi di risoluzione delle controversie.

Maduka, che ha anche ricevuto un LL.M. Human Rights Fellowship dell'Istituto per i diritti umani della Law School e dell'Office of Graduate Legal Studies, vede il suo futuro in legge all'incrocio tra affari, tecnologia e diritti umani, un obiettivo che lo ha portato alla Columbia Law School.

A causa delle restrizioni di viaggio relative al COVID-19, Maduka ha frequentato le lezioni a distanza dalla Nigeria. Nonostante queste circostanze insolite, ha abbracciato l'apprendimento virtuale e sta sfruttando al massimo la prima metà del suo LL.M. Esperienza. Attraverso il mio apprendimento guidato e la mia difesa presso la [Clinica per i diritti umani]. . . Mi viene offerta l'opportunità inestimabile di studiare materiali accademici sui diritti umani, discuterne con i miei professori e colleghi e applicarli immediatamente al lavoro di advocacy che sto attualmente svolgendo insieme a partner e comunità negli Stati Uniti, ricevendo feedback quasi immediatamente, ha dice. Questo è diverso da qualsiasi cosa abbia mai fatto prima e mi sta permettendo di svilupparmi in modi che non avrei mai pensato possibili.

Jill Casal, direttrice dell'Office of Graduate Legal Studies della Law School, ha osservato che Maduka si è distinta all'inizio. Quando abbiamo ricevuto la domanda di Hillary, la domanda per noi non era se ammetterlo, ma come assicurarci che frequentasse la Columbia? lei dice. La cosa più avvincente è stato il suo incredibile impegno per i diritti umani e la giustizia sociale nel suo paese d'origine, la Nigeria. Nelle nostre successive numerose conversazioni durante il processo di ammissione, la sua incredibile gentilezza e umiltà hanno solo arricchito la nostra forte impressione di Hillary. Non vediamo l'ora di accogliere personalmente Hillary in Columbia a gennaio!

La borsa di studio Baker McKenzie è stata istituita per la prima volta nel 2015 e assegna $ 50.000 a un Columbia Law LL.M. studente che dimostra successo accademico e necessità finanziarie, con una priorità data agli studenti provenienti da Africa, Asia, Europa orientale e America Latina.

Sono sicuro che nel prossimo futuro questo premio mi aprirà nuove strade per collaborare con altri studiosi, attivisti e responsabili politici per promuovere i diritti umani, afferma Maduka. Vincere la borsa di studio Baker McKenzie è un grande onore per me, ma altrettanto importante mi conferisce il dovere di essere onesto, diligente e costantemente alla ricerca di opportunità per pagarlo in avanti. . . . Ringrazio Baker McKenzie per questo premio molto generoso.

Pubblicato
28 dicembre 2020

Condividere

Articoli Interessanti

Scelta Del Redattore

CEO di Antena 3 v. Extraconfidencial, S.L.
CEO di Antena 3 v. Extraconfidencial, S.L.
Columbia Global Freedom of Expression cerca di far progredire la comprensione delle norme e delle istituzioni internazionali e nazionali che meglio proteggono il libero flusso di informazioni e di espressione in una comunità globale interconnessa con importanti sfide comuni da affrontare. Per raggiungere la sua missione, Global Freedom of Expression intraprende e commissiona ricerche e progetti politici, organizza eventi e conferenze, partecipa e contribuisce ai dibattiti globali sulla protezione della libertà di espressione e di informazione nel 21° secolo.
I vantaggi P-EBT consentono alle famiglie degli studenti di New York di acquistare più cibo
I vantaggi P-EBT consentono alle famiglie degli studenti di New York di acquistare più cibo
Il Teachers College, Columbia University, è la prima e più grande scuola di specializzazione negli Stati Uniti e anche perennemente classificata tra le migliori della nazione.
La pittrice più famosa del Rinascimento italiano di cui non hai mai sentito parlare
La pittrice più famosa del Rinascimento italiano di cui non hai mai sentito parlare
Il nuovo libro del professor Michael Cole, 'La lezione di Sofonisba', illumina il lavoro di un'artista in anticipo sui tempi.
Alumni della Columbia immaginaria: edizione cinematografica
Alumni della Columbia immaginaria: edizione cinematografica
Calendari
Calendari
Dennis v. Stati Uniti
Dennis v. Stati Uniti
Columbia Global Freedom of Expression cerca di far progredire la comprensione delle norme e delle istituzioni internazionali e nazionali che meglio proteggono il libero flusso di informazioni e di espressione in una comunità globale interconnessa con importanti sfide comuni da affrontare. Per raggiungere la sua missione, Global Freedom of Expression intraprende e commissiona ricerche e progetti politici, organizza eventi e conferenze, partecipa e contribuisce ai dibattiti globali sulla protezione della libertà di espressione e di informazione nel 21° secolo.
Studi postcoloniali
Studi postcoloniali