Principale Altro Recensione del libro: 'Come cambiare idea'

Recensione del libro: 'Come cambiare idea'

libri

Di Michael Pollan '81GSAS (Penguin Press)

Di Mark Rozzo |Autunno 2018

In genere ricordi la tua prima volta. Ricordo il mio. Avevo appena compiuto diciassette anni e me ne sono stati dati un po' da un amico ben intenzionato. Noi due stavamo passando il pomeriggio a scherzare in uno studio di registrazione, e pensavo che le cose sarebbero svanite dopo un paio d'ore. Non è stato così. Quella dose moderata di LSD su carta assorbente ha continuato ad andare e venire, oltre la fine della sessione, durante il viaggio in macchina verso casa (in cui ho allucinato un golden retriever seduto accanto a me sul sedile posteriore), e attraverso una National Honor Society banchetto, dove io e i miei genitori ci siamo seduti a una grande tavola rotonda nella palestra del liceo e abbiamo ascoltato un meteorologo della TV locale parlare di eccellenza. Questo era il 1983, non il 1967. La lunghissima coda della controcultura degli anni Sessanta stava ancora strisciando attraverso il decennio di festaioli, Fast Times at Ridgemont High, Reagan e Yuppies, e l'intera esperienza, francamente, ha dato una nuova svolta al nozione di eccellenza. Era privo di qualsiasi cosa spiacevole: niente pazzi, niente delusioni, niente folletti che ballavano sul pollo à la king. Fedele allo spirito degli anni ottanta, il mio primo viaggio è stato più divertente che sconvolgente, più simile all'acquisizione di esperienze che alla ricerca della visione. Mi sono dilettato un altro paio di volte (come quasi tutti quelli che conoscevo), e basta. Sono nato per essere mite, immagino.

pandemia vs epidemia vs endemica

Lettura Come cambiare idea , un'esplorazione assolutamente divorante della lunga e strana storia - e apparente rinascita - degli psichedelici di Michael Pollan '81GSAS, ora posso vedere che l'LSD (insieme alla famiglia estesa di sostanze che modificano la coscienza, tra cui psilocibina e mescalina) è sprecato su il giovane e l'incapace. Questo simpatico, illuminante dizionario geografico del terreno inaspettatamente vasto degli psichedelici, che trova Pollan in viaggio tra laboratori remoti e stanze di terapia - dove i malati terminali sono stati dosati con effetti miracolosi e che migliorano l'umore - e nei più remoti entroterra del cervello umano , compreso il suo, è rivolto direttamente a persone come m, ovvero i molti di noi che hanno cancellato gli psichedelici. Offre un'argomentazione convincente del potenziale dei farmaci che, sopravvissuti a decenni di diffamazione, sembrano ora pronti a rivoluzionare diversi campi, dalla salute mentale alle neuroscienze.

Pollan, che ha sessantatré anni, non ha mai toccato una carta assorbente o un fungo magico fino a quando non ha ricercato e riportato questo libro. Si riferisce a questo come un abbandono del dovere generazionale. Riuscì in qualche modo a sfuggire al fascino del baby boom per le sostanze psichedeliche, alimentato dai Beatles, Aldous Huxley (a cui fu iniettato l'LSD sul letto di morte) e, soprattutto, Timothy Leary.

Leary fondò l'Harvard Psilocybin Project nel 1960 e Richard Nixon in seguito lo considerò l'uomo più pericoloso d'America. Per Pollan - e per il coro ammonitore di ricercatori, psichiatri, tecnici e terapisti - Leary, che ha spinto l'acido fuori dal laboratorio e per strada, è all'altezza di quella descrizione, almeno quando si tratta della causa del laboratorio. ricerca centrata. La forza della narrativa di Leary ha piegato la storia ricevuta degli psichedelici, scrive Pollan. Una volta calata la macchia della controcultura, era impossibile uscirne, riducendo il campo a un imbarazzo scientifico. L'LSD divenne illegale nel 1966 e la maggior parte dei programmi di ricerca psichedelica chiuse poco dopo.

Michael Pollan (Fran Collin)

Come cambiare idea è in missione per spiegare la narrativa psichedelica, lontano dal patchouli, dai batik, dall'infinita ripetizione di White Rabbit, e verso il suo uso come una rispettabile forma di terapia. Pollan ci ricorda che Cary Grant ha affermato che l'LSD lo ha trasformato in un uomo felice. Steve Jobs lo annoverava tra le sue esperienze di vita cruciali. (Pollan sostiene con forza l'impatto fondamentale dell'LSD sulla Silicon Valley.) Robert Kennedy lo definì molto utile per la nostra società se usato correttamente. (Probabilmente non l'ha mai usato, ma a quanto si dice sua moglie lo ha fatto.) Lungo la strada, c'è una parata da capogiro di fatti trippy: che cani, mucche e cavalli amano sgranocchiare funghi magici, che le esperienze psichedeliche dei primi uomini potrebbero aver portato al linguaggio e una coscienza superiore (la teoria della scimmia lapidata), che gli esperimenti con l'LSD degli anni '50 fecero avanzare il campo della neurochimica, portando al Prozac, allo Zoloft e al resto.

Ci sono un sacco di personaggi colorati in Come cambiare idea anche: visionari scientifici, psiconauti rivestiti di laboratorio, cacciatori di funghi, appassionati di microdosi e occasionali fiocchi New Age. Ma forse il personaggio più grande è lo stesso Pollan, che, dopo essersi consultato con il suo cardiologo, intraprende una serie di viaggi successivi, che descrive con bonario distacco, umorismo e persino bellezza. Pollan racconta odissea su LSD, psilocibina e, in modo più vivido, il veleno cristallizzato del rospo del deserto di Sonora, fumato come crack: come una di quelle fragili case di legno erette sull'atollo di Bikini per essere fatto esplodere nei test nucleari, 'io' ero non più, ridotto a una nuvola di coriandoli da una forza esplosiva che non riuscivo più a localizzare nella mia testa, perché era esploso anche quello. Qualche rospo.

programmi di dottorato di ricerca in assistenza sociale

Si dice che Henry James abbia scritto, Racconta un sogno, perdi un lettore. Ma questi sogni a occhi aperti di un ritardatario di mezza età - che descrive in modo convincente fare pipì in un cesso mentre sono sui funghi come la cosa più bella che abbia mai visto - catturano un lettore in piena e ipnotizzata attenzione. Non sono sicuro di essere pronto a ri-dilettarmi - o a fumare un rospo - e per fortuna Pollan, sempre diffidente nei confronti del fantasma di Leary, non fa proselitismo. Ma fa un argomento convincente per gli psichedelici da prendere sul serio, in particolare come strumenti per il trattamento di gravi malattie mentali, depressione e ansia. I precedenti bestseller dell'autore Il dilemma dell'onnivoro e In difesa del cibo ricalibrato la conversazione su come ci nutriamo. Come cambiare idea sicuramente ricalibrare la conversazione sul nutrire le nostre teste e, possibilmente, le nostre anime.

Leggi di più da Mark Rozzo
Storie correlate
  • libri Recensione del libro: 'L'addetto al parcheggio'

Articoli Interessanti

Scelta Del Redattore

CEO di Antena 3 v. Extraconfidencial, S.L.
CEO di Antena 3 v. Extraconfidencial, S.L.
Columbia Global Freedom of Expression cerca di far progredire la comprensione delle norme e delle istituzioni internazionali e nazionali che meglio proteggono il libero flusso di informazioni e di espressione in una comunità globale interconnessa con importanti sfide comuni da affrontare. Per raggiungere la sua missione, Global Freedom of Expression intraprende e commissiona ricerche e progetti politici, organizza eventi e conferenze, partecipa e contribuisce ai dibattiti globali sulla protezione della libertà di espressione e di informazione nel 21° secolo.
I vantaggi P-EBT consentono alle famiglie degli studenti di New York di acquistare più cibo
I vantaggi P-EBT consentono alle famiglie degli studenti di New York di acquistare più cibo
Il Teachers College, Columbia University, è la prima e più grande scuola di specializzazione negli Stati Uniti e anche perennemente classificata tra le migliori della nazione.
La pittrice più famosa del Rinascimento italiano di cui non hai mai sentito parlare
La pittrice più famosa del Rinascimento italiano di cui non hai mai sentito parlare
Il nuovo libro del professor Michael Cole, 'La lezione di Sofonisba', illumina il lavoro di un'artista in anticipo sui tempi.
Alumni della Columbia immaginaria: edizione cinematografica
Alumni della Columbia immaginaria: edizione cinematografica
Calendari
Calendari
Dennis v. Stati Uniti
Dennis v. Stati Uniti
Columbia Global Freedom of Expression cerca di far progredire la comprensione delle norme e delle istituzioni internazionali e nazionali che meglio proteggono il libero flusso di informazioni e di espressione in una comunità globale interconnessa con importanti sfide comuni da affrontare. Per raggiungere la sua missione, Global Freedom of Expression intraprende e commissiona ricerche e progetti politici, organizza eventi e conferenze, partecipa e contribuisce ai dibattiti globali sulla protezione della libertà di espressione e di informazione nel 21° secolo.
Studi postcoloniali
Studi postcoloniali